Veterinaria ❤️ Cani e Gatti

Hand Holding Medical

PREPARARE IL PROPRIO GATTO ALLA VISITA DAL VETERINARIO

Consigli utili per il benessere del gatto dal veterinario

IL BENESSERE DEL GATTO DAL VETERINARIO

LA VISITA VETERINARIA E'‚ DI SOLITO‚ UN EVENTO STRESSANTE PER IL GATTO‚ IL QUALE MANIFESTA STRESS NON APPENA PERCEPISCE COSA ACCADE GIA' IN SALA D'ATTESA E POI‚ DURANTE LA VISITA.

La tutela del benessere del gatto in ambulatorio veterinario passa innanzitutto dalla prevenzione‚ che dipende in larga parte dal proprietario.

PER PREPARARE IL PROPRIO GATTO ALLA VISITA DAL VETERINARIO‚ IL PROPRIETARIO PUO':

  • abituare il gatto alle manipolazioni
  • abituare il gatto al trasportino
  • abituare il gatto ai viaggi in auto
  • evitare che il gatto associ l'ambulatorio o il Veterinario a eventi spiacevoli
  • ridurre il tempo in ambulatorio

COSA SIGNIFICA ABITUARE?

Con il termine "abituazione in etologia si intende la graduale diminuzione dell'attenzione e della risposta di un soggetto a uno stimolo. Per abituare il gatto a uno stimolo è necessario che lo stimolo sia presentato in maniera corretta‚ cioè a una intensità tale da non scatenare reazioni di paura‚ e ripetutamente.

COSA PUO' FARE IL PROPRIETARIO

ABITUAZIONE ALLE MANIPOLAZIONI

Il gatto sin da piccolo deve essere toccato in tutte le parti del corpo ma in modo estremamente gentile‚ graduale‚ senza spaventarlo o forzarlo.

ABITUAZIONE AL TRASPORTO

Si deve evitare che il gatto associ il trasporto alla visita veterinaria. E' buona norma che il trasportino sia a disposizione del gatto almeno qualche giorno prima di andare dal Veterinario (o sempre a disposizione‚ ad esempio utilizzandolo come cuccia)‚ e che sia associato a cose positive: nel trasportino si può mettere una coperta‚ del cibo appetibile ecc. Dopo essere stati dal Veterinario‚ è importante lavare il trasportino evitando prodotti che abbiano un odore forte e/o di ammoniaca‚ per fare in modo che non vi rimangano odori e ferormoni.

TRASPORTARE IL GATTO IN UN TRASPORTINO CHIUSO E COPERTO

E' preferibile usare un trasportino che possa essere aperto‚ oltre che frontalmentem anche da sopra. Per far sentire il gatto più protetto‚ il trasportino deve essere coperto con un telo dal momento della partenza da casa‚ durante il trasporto‚ in sala d'attesa‚ fino al rientro a casa. In caso di alte temperature‚ verificare che la copertura non la innalzi ulteriormente.

EVITARE CHE IL GATTO ASSOCI L'AMBULATORIO A EVENTI SPIACEVOLI

Si possono metterere in atto molti accorgimenti. Ad esempio‚ quando si adotta un gattino‚ si può portarlo dal Veterinario qualche volta per una "visita di cortesia" durante la quale non subisca trattamenti spiacevoli‚ per fare in modo che associ questa visita ad esperienze positive quali carezze‚ cibo appetibile ecc. Anche nelle visite successive‚ il proprietario può portare oggetti che lo tranquillizzaino (ad esempio una coperta con il suo odore‚ cibo molto appetibile) e avere un atteggiamento che lo tranquillizzi (accarezzarlo‚ se gradisce tenerlo in braccio ecc.)

RIDURRE IL TEMPO DI PERMANENZA IN AMBULATORIO‚ soprattutto in sala d'attesa‚ ad esempio fissando un appuntamento o‚ se la sala è affollata‚ attendendo fuori o in auto. In sala d'attesa il trasportino deve essere posizionato in alto e lontano dai cani‚ luoghi di passaggio‚ rumori.

RICONOSCERE LO STRESS

I GATTI SONO ANIMALI CHE SI IMPAURISCONO FACILMENTE E MOLTI COMPORTAMENTI QUALI AGGRESSIVITA'‚FUGA E INIBIZIONE SONO DI SOLITO DOVUTI ALLA PAURA.

E' opportuno non esporre il gatto a troppi stimoli e non forzarlo a fare cose che nn gradisce. Ad esempio‚ in sala visite è bene non forzare il gatto a uscire dal trasportino‚ ma attendere qualche momento per capire se esce da solo e lasciargli la possibilità di esplorare l'ambiente e di annusare oggetti e persone.

Il proprietario dovrebbe essere in grado di riconoscere quando il proprio gatto è stressato. I segnali di stress possono variare da soggetto a soggetto e‚ nello stesso soggetto‚ da una volta all'altra.

Si può sospettare che il gatto stia vivendo una situazione di disagio quando si nasconde‚ si immobilizza‚ mostra aggressività‚ tiene le orecchie indietro‚ cambia "improvvisamente" il proprio comportamento‚ si lecca eccessivamente‚ urina o defeca fuori dalla lettiera‚ non mangia o mangia eccessivamente.

Bisogna comunque ricordare che lo stesso comportamento può essere dovuto anche ad altre cause‚ per cui è utile chiedere consiglio al proprio Veterinario o a un Veterinario comportamentalista.

IL PROPRIETARIO DEVE EVITARE TUTTE LE AZIONI CHE IL GATTO PUO' CONSIDERARE AVVERSATIVE O SPIACEVOLI‚ quali essere forzato a fare qualcosa che non vuole (ad esempio costringerlo a incontrare persone o cani‚ tirarlo fuori da un luogo in cui sta riposando o si è nascosto ecc.)‚ essere in grado‚ essere punito.

Hand Holding Medical

PER PREPARARE IL PROPRIO CANE ALLA VISITA DAL VETERINARIO

Consigli utili per il benessere del cane dal veterinario

IL BENESSERE DEL CANE DAL VETERINARIO

La visita veterinaria è di solito un evento stressante per il cane, alcuni soggetti manifestano stress appena capiscono dove il proprietario li sta portando, altri quando sono in sala d'attesa o durante la visita clinica.

La tutala del benessere del cane in ambulatorio veterinario passa innanzitutto dalla prevenzione, che dipende in larga parte dal proprietario.

PER PREPARARE IL PROPRIO CANE ALLA VISITA DAL VETERINARIO, IL PROPRIETARIO PUO':

  • abituare il cane alle manipolazioni
  • abituare il cane alla museruola
  • abituare il cane ai viaggi in auto
  • evitare che il cane associ l'ambulatorio o il Veterinario a eventi spiacevoli
  • ridurre il tempo in ambulatorio

COSA SIGNIFICA ABITUARE?

Con il termine "abituazione" in etologia si intende la graduale diminuzione dell'attenzione e della risposta di un soggetto a uno stimolo. Per abituare il cane a uno stimolo è necessario che lo stimolo sia presentato in maniera corretta, cioè a una intensità tale da non scatenare reazioni di paura, e ripetutamente.

ABITUAZIONE ALLA MUSERUOLA

Tutti i cani dovrebbero abituarsi a indossare la museruola. Si consiglia di scegliere una museruola a canestro e di fare tutti i giorni degli esercizi con il cane affinchè diventi per lui accettabile indossarla. Un cane abituato alla museruola può indossarla già prima di entrare in ambulatorio, così che lo staff possa rilassarsi e il cane non debba essere forzato a metterla. Per evitare che il cane associ la museruola alla visita veterinaria, o comunque che la viva come una costrizione, si deve iniziare a utilizzarla in contesti tranquilli, ad esempio a casa. L'introduzione alla museruola deve essere graduale, per cui le prime volte bisogna permettere al cane di vederla e annusarla senza fargliela indossare. Dopo qualche giorno, si possono inserire dei bocconcini appetibili nella museruola e invitare il cane a infilarci il muso, senza mostrare problemi, il proprietario può portare il laccio dietro la testa senza chiuderlo. Di solito bastano pochi giorni perche il laccio prossa essere chiuso senza problemi. Una volta che si è abituato, si può aumentare in modo graduale il tempo in cui il cane indossa la museruola. E' molto importante che tutto il processo di abituazione sia effettuato in condizioni di tranquillità. Inoltre, per tutto il processo, è buona norma che la museruola sia associata a cose positive, come cibo appetibile, carezze e voce rassicurante.

ABITUAZIONE ALLE MANIPOLAZIONI

Il cane sin da piccolo deve essere toccato in tutte le parti del corpo ma in modo estremamente gentile, graduale, senza spaventarlo o forzarlo.

ABITUAZIONE AI VIAGGI IN AUTO

Alcuni cani hanno paura dell'auto o associano a esperienze sgradite, come andare dal Veterinario. Il proprietario deve dare in modo che il cane non formi questa associazione o, nel caso già esista, che la rompa utilizzando l'auto per raggiungere posti piacevoli, facendo viaggi brevi, associando il viaggio a cibo appetibile ecc. In caso di difficoltà durante il trasporto, è buona norma consultare il Veterinario per escludere la presenza di problemi di natura organica.

EVITARE CHE IL CANE ASSOCI L'AMBULATORIO A EVENTI SPIACEVOLI

Si possono mettere in atto molti accorgimenti. Ad esempio, quando si adotta un cucciolo, si può portarlo dal Veterinario qualche volta per una "visita di cortesia"durante la quale non subisca trattamenti spiacevoli, per fare in modo che associ questa visita ad esperienze positive quali carezze, cibo appetibile ecc. Anche nelle visite successive, il proprietario può portare oggetti che lo tranquillizzino (ad esempio una coperta con il suo odore, cibo molto appetibile) e avere un atteggiamento che lo tranquillizzi (accarezzarlo, se gradisce tenerlo in braccio ecc.).

RIDURRE IL TEMPO DI PERMANENZA IN AMBULATORIO, soprattutto in sala d'attesa, ad esempio fissando un appuntamento o, se la sala è affollata, attendendo fuori o in auto.

RICONOSCERE LO STRESS

I CANI IN AMBULATORIO POSSONO STRESSARSI FACILMENTE E MOLTI COMPORTAMENTI QUALI AGGRESSIVITA', TENTATIVI DI FUGA E INIBIZIONE, SONO DI SOLITO DOVUTI ALLA PAURA.

E' opportuno non esporre il cane a troppi stimoli e non forzarlo a fare cose che non gradisce. Ad esempio, prima di iniziare una visita, è bene lasciargli qualche momento per esplorare l'ambiente e annusare oggetti e persone. Per evitare incidenti, il cane deve essere portato in ambulatorio con collare o pettorina e tenuto al guinzaglio. Il proprietario dovrebbe essere in grado di riconscere quando il proprio cane è stressato. I segnali di stress possono variare da soggetto a soggetto e, nello stesso soggetto, da una volta all'altra. Si può sospettare che il cane stia vivendo una situazione di disagio quando si nasconde, tenta di scappare, trema, tiene le orecchie indietro e la coda bassa, abbaia eccessivamente, è aggressivo o cambia "improvvisamente" il proprio comportamento, si lecca eccessivamente. Ma il cane può mostrare anche segni di stress meno evidenti, quali leccarsi il naso, sbadigliare, girare la testa o distogliere lo sguardo, sollevare una zampa anteriore, scuotersi ecc. Bisogna comunque ricordare che lo stesso comportamento può essere dovuto anche altre cause, per cui è utile chiedere consiglio al proprio Veterinario o a un Veterinario comportamentalista.

Il proprietario deve evitare tutte le azioni che il cane può considerare avversative o spiacevoli, quali essere forzato a fare qualcosa che non vuole (ad esempio costringerlo a incontrare persone o cani, tirarlo fuori da un luogo in cui sta riposando o si è nascosto ecc.), essere sgridato, essere punito.

ATTENZIONE AI METODI DI INSEGNAMENTO!

Particolare attenzione deve essere posta ai metodi con cui si insegna al cane a obbedire o a non mettere in atto determinati comportamenti: l'insegnamento deve essere basato sui premi e devono invece essere evitati tutti i metodi e gli strumenti che provochino disagio o dolore (collare elettrico, collare a punta, collare a strozzo, punizioni fisiche e verbali ecc.).

Contatti

Logo DOGStyle

IV SAN BERNARD s.r.l.

Via Castelli 7, 50056 Montelupo Fiorentino (Firenze), Italia

Tel: +39 0571 509106

Fax: +39 0571 1656081

Email: info@ivsanbernard.it

P.IVA: 01780770382

MENU

TOP

X

privacy